Logo UNISA

Curriculum

Anna Bottiglieri, nata a Roccapiemonte (Sa) il 22.11.1951, residente a Salerno in c.so Garibaldi 142\d (c.a.p. 84100), si è laureata in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli il 1.7.1975, discutendo una tesi in Storia del diritto romano su "Movimenti schiavistici in età repubblicana", relatore il prof. Francesco Paolo Casavola.
Da tale data ha frequentato l'Istituto di Teoria e Storia del diritto dell'Università degli Studi di Salerno, partecipando, quale cultore della materia, alle commissioni di esami di Diritto romano, Istituzioni di diritto romano, Storia del diritto romano, e svolgendo regolarmente seminari ed esercitazioni collegati al corso di Storia del diritto romano.
Ha pubblicato in Atti dell'Accademia di Scienze Morali e Politiche i lavori intitolati Il 'caso' di Appio Erdonio nel 1977 e Il foedus Cassianum e il problema dell’isopoliteía nel 1980.
Per l'anno accademico 1982-'83 è stata ammessa al corso triennale di Dottorato di ricerca in Discipline romanistiche e nel novembre 1987 ha sostenuto l'esame finale per il conseguimento del titolo di Dottore di ricerca con esito favorevole, discutendo una tesi su "Il diritto di enfiteusi".
Ha partecipato al lavoro redazionale per la stampa degli Scritti Lauria.
Con D.R. n.14975 dell'11.10.1991, la sottoscritta è stata dichiarata vincitrice del concorso per l'assegnazione di una borsa di studio post-dottorato, per attività di ricerca presso il Dipartimento di Diritto Romano, Facoltà di Giurisprudenza di Napoli.
Dal 1.11.1992 è stata inquadrata nel ruolo dei ricercatori universitari, essendo risultata idonea al concorso ad un posto di ricercatore, presso l'Università degli Studi di Salerno, raggruppamento N11 (Diritto romano e dell'Oriente mediterraneo) e ha espletato un'attività didattica che può essere così sintetizzata:
- nei giorni e ore concordate con il titolare della cattedra di Diritto dell'antico oriente mediterraneo e con il titolare della II cattedra di Storia del diritto romano, al fine della migliore preparazione all'esame, ha assistito gli studenti;
- su incarico del docente, ad integrazione del corso ufficiale di Diritto dell'antico oriente mediterraneo ha svolto annualmente alcune esercitazioni sulle fonti del diritto romano;
- in qualità di cultore della materia ha fatto parte delle commissioni di esame per le seguenti materie: Istituzioni di diritto romano; Storia del diritto romano II cattedra; Diritto romano; Diritto dell'antico oriente mediterraneo; talora ha partecipato anche alle commissioni di esame della I cattedra di Storia del diritto romano;
- ha svolto l'attività di tutorato per la compilazione delle tesi di laurea, nell'ambito del raggruppamento romanistico;
- ha fatto parte come relatore e correlatore delle commissioni degli esami di laurea.
L’attività scientifica si è concretizzata nelle seguenti pubblicazioni:
- recensione al volume di P. Giunti, Adulterio e leggi regie. Un reato fra storia e propaganda, in Bollettino di studi latini (1991);
- monografia dal titolo La nozione romana di enfiteusi (ed. ESI. Napoli 1994);
- articolo dal titolo La storiografia anticassiana e la vicenda di Spurio Cassio in Ricerche sull'organizzazione gentilizia romana a cura di G. Franciosi 3 (1995);
- cronaca del II Seminario "Per la storia del pensiero giuridico romano - Da Augusto agli Antonini", organizzato dalla Scuola Superiore di Studi Storici dell'Università di San Marino, in Studia et documenta historiae et iuris (1995);
- articolo dal titolo Su alcuni aspetti dell'‘interpretatio’ di Q. Elio Tuberone il giovane in Labeo (1996).
Negli anni accademici 1993-94, 1994-95, 1995-96, ha tenuto alcune lezioni integrative del corso di Storia del diritto romano, presso la Facoltà di Giurisprudenza della Seconda Università degli Studi di Napoli, dedicate alla storia della giurisprudenza romana, con particolare riferimento al ruolo della giurisprudenza pontificale.
A fianco delle ricerche personali (ex 60%) su La base economica della elaborazione sistematica del diritto romano, ha partecipato alle ricerche, finanziate dal M.U.R.S.T, di un équipe diretta dalla prof. M. Bianchini (Università di Genova) e dal prof. D' Ippolito (II Università degli studi di Napoli), su I vetera iura nelle costituzioni imperiali (i risultati di una prima parte della ricerca sono stati pubblicati); alla ricerca, diretta dalla prof. Piattelli (Università degli studi di Roma Tor Vergata), su “La presenza giuridica del divino” e “Responsabilità penale dell’individuo nei sistemi giuridici a base teocratica”; alla ricerca, coordinata dalla prof. Solidoro, titolare della Cattedra di Storia del diritto romano dell’Università degli Studi di Salerno, su “I limiti posti alla libertà di riunione e di associazione nel diritto romano arcaico”.
A decorrere dal 2.11.1995, è stata confermata nel ruolo dei ricercatori universitari per il gruppo di discipline N11 (Diritto romano e dell'Oriente mediterraneo).
Per gli anni accademici 1995-1996, 1996-1997, 1997-1998, 1998-1999, 1999-2000, 2000-2001 è stata proposta dal Consiglio di Facoltà di Giurisprudenza della Seconda Università degli Studi di Napoli per il conferimento in supplenza dell'insegnamento di Storia del diritto romano presso la medesima facoltà. Per gli anni accademici 2001-2002, 2002-2003 e 2003-2004 è stata proposta dal Consiglio di Facoltà di Giurisprudenza della Seconda Università degli Studi di Napoli per il conferimento in supplenza dell'insegnamento di Diritto pubblico romano.
Per gli anni accademici 1997-1998, 1998-1999, 1999-2000, 2000-2001, 2001-2002, 2002-2003, 2003-2004, le è stata conferita dal Consiglio di Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli studi di Salerno la supplenza, a titolo gratuito, dell’insegnamento di Storia della costituzione romana.
Nel maggio 2000 ha partecipato in qualità di relatore al II Convegno internazionale “Diritto romano pubblico e privato: l’esperienza plurisecolare dello sviluppo del diritto europeo” (Mosca – San Pietroburgo), con una relazione su “Appio Claudio Cieco”, pubblicata in Ius Antiquum 2 (VII) (Mosca 2000).
Nell’anno 2002, ha partecipato alla pubblicazione del volume Materiali per un corpus iudiciorum, a cura di M. Bianchini, G. Crifò, F. M. D’Ippolito.
Nell’anno 2002 ha pubblicato una monografia dal titolo La legislazione sul lusso nella Roma repubblicana.
Nell’anno 2003 ha partecipato alla redazione del volume Leges regiae a cura di G. Franciosi.
Ha pubblicato inoltre l’articolo dal titolo La tutela dell’ambiente nell’antica Roma, in Rivista della Scuola superiore dell’economia e delle finanze (n. 8-9 del 2004).
Dal marzo 2006, essendo risultata vincitrice del relativo concorso, ha preso servizio come Professore Associato per il settore IUS/18, ed è titolare dell'insegnamento di Istituzioni di Diritto romano II M-Z e di Storia della Costituzione romana.