Projects

Massimiliano VESCI Projects

LA GOAL AMBIGUITY NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Sulla base delle considerazioni appena fatte lo schema di analisi da approfondire nel presente progetto di ricerca sarà rappresentato dalla goal ambiguity e dalla measurement theory. E’ ovvio che bisognerà poi intersecare tale schema con i tipici costrutti della gestione delle pubblica amministrazione secondo una logica aziendale e manageriale. Laddove le condizioni della ricerca lo consentiranno si intenderà in via di prima approssimazione ipotizzare lo studio della relazione con alcuni antecedenti dalla goal ambiguity come la cultura ovvero con alcuni conseguenti come la customer service orientation e la performance. Ovviamente nel corso di sviluppo della ricerca si potranno individuare altri costrutti di area manageriale rispetto ai quali approfondire lo studio e l’analisi delle relazioni emergenti.Per questi motivi la ricerca dovrà prevedere diverse fasi e diversi livelli di analisi: a)Analisi in profondità della bibliografia nazionale ed internazionale sulla goal ambiguity nella PA;b)Studio degli antecedenti della goal ambiguity nella PA;c)Analisi in profondità della bibliografia nazionale ed internazionale sulla customer service orientation nella PA;d)Studio degli antecedenti della customer service orientation nella PA; e)Analisi in profondità della bibliografia nazionale ed internazionale sulla performance manageriale nella PA;f)Studio degli antecedenti della performance manageriale nella PA;g)Analisi in profondità della bibliografia nazionale ed internazionale sugli altri eventuali costrutti che vorranno essere testati o posti in relazione con la goal ambiguity nella PA.Stante lo sviluppo del descritto progetto di ricerca, la prima attività sarà rappresentata dall’analisi e dallo studio mirato della produzione scientifica più recente sulla tematica. In particolare la ricerca bibliografica sarà orientata verso le più recenti analisi ed elaborazioni concettuali predisposte dalla dottrina internazionale e nazionale prediligendo, ovviamente, quelle di matrice economico-gestionale. Sulla base della bibliografia raccolta ed analizzata, di poi, si provvederà ad affinare gli assunti teorici proposti “in nuce”. L’aspetto innovativo di tale fase ed i connessi risultati attesi sono rappresentati dalla sistematizzazione delle osservazioni condotte in letteratura attraverso l’applicazione ad un oggetto di studio (quale ad esempio le agenzie del welfare) scarsamente indagato da questo specifico punto di vista.Gli assunti teorici affinati consentiranno, quindi, di formulare alcune ipotesi da sottoporre a test. L’idea è quella di privilegiare, laddove le condizioni lo consentiranno, una ricerca di tipo quantitativo. In particolare gli antecedenti potranno essere studiati tramiti analisi fattoriali. Le analisi fattoriali sono infatti utili per analizzare le scale di misurazione dei costrutti latenti e soprattutto per passare da strutture che propongono “n” variabili rilevate nella realtà a strutture che propongono “m” fattori (dove “m” è minore di “n”) interpretativi dei fattori latenti. Se possibile e se il campione raggiungerà numerosità sufficienti si potrebbe ipotizzare anche il ricorso ad analisi fattoriali confermative ed eventualmente anche il ricorso ad analisi tramite modelli di equazioni strutturali.I risultati della ricerca, se significativi, potranno essere cristallizzati in pubblicazioni scientifiche (articoli, working paper, ecc.) oltre che essere oggetto di specifiche presentazioni in seminari, convegni e workshop di rilievo sia nazionale che internazionale.

DepartmentDipartimento di Scienze Aziendali - Management & Innovation Systems/DISA-MIS
FundingFondi dell'ateneo
FundersUniversità  degli Studi di SALERNO
Cost2.681,60 euro
Project duration28 July 2015 - 28 July 2017
Proroga28 Luglio 2018
Research TeamVESCI Massimiliano (Project Coordinator)
BOTTI Antonio (Researcher)
CIASULLO Maria Vincenza (Researcher)
FEOLA ROSANGELA (Researcher)
Marinato Ezio (Researcher)
PARENTE Roberto (Researcher)
RASSEGA VALTER (Researcher)
TROISI Orlando (Researcher)