Progetti

Marco SANTILLO Progetti

WORK DIFFERENTIATION AND PRODUCTIVITY IN THE BARCELONA'S CALICO PRINTING MANUFACTURE IN THE XVIII CENTURY

Durante la prima metà del XVIII secolo, Barcellona e le aree circostanti furono interessate da un fenomeno di trasformazione del comparto manifatturiero. In particolare per quanto riguarda il settore tessile la manifattura cotoniera, che in quegli stessi anni si stava affermando nel resto d'Europa, potè beneficiare della presenza sul territori di un chiaro vantaggio localizzativo dato dallapresenza di know how tessile. Tali conoscenze tecniche traevano origine dalla presenza nell'area di una consolidata tradizione di manifatture laniere sin dal medioevo. Il caso delle tele di cotone colorate e stampate (calicò e indianine) risulta peculiare, dal momento che tale nuova manifattura comportò una radicale trasformazione del modo di produrre. Innanzitutto si passò da un modello di bottega individuale (tipico dlle manifatture pre-industriali) ad un modello di fabbrica accentrata funzionale alle innovazioni intorodotte nel processo produttivo (lavoro salariato, logistica interna ed esterna, intefgrazione delle fasi produttive, uso dell'energia, tecnologia, macchine). Il progetto di ricerca, grazie ad un set di dati aggregati a livello micro, si propone di valutare il fenomeno della differenziazione dei salariati all'interno del settore delle indianine. Tale fenomeno passava attraverso la selezione di manodopera femminile e minorile da adibire a fasi produttive di minore valore aggiunto (fenomeno ampiamente diffuso nell'Europa della Rivoluzione Industriale). In particolare, la ricerca mira ad approfondire il ruolo svolto dalla differenziazione salariale e delle caratteristiche del lavoro, in funzione di leva anticilica per agire sulla produttività di un'impresa tipo. Nello specifico, la ricerca mirerà a delineare le modalità operative di contarzione ed espansione della forza lavoro unskilled in risposta a oscillazioni della domanda, evidenziando non solo come l'attribuzione di fasi lavorative "low value added" a personale poco qualificato sia stata una pratica gestionale ed economica ampiamente utilizzata dalle industrie tessili nella seconda metà del Settecento, ma come tale politica aziendale sia stata una scelta necessaria ai fini del miglioramento della produttività in condizioni date di tecnologia.

StrutturaDipartimento di Scienze Economiche e Statistiche/DISES
Tipo di finanziamentoFondi dell'ateneo
FinanziatoriUniversità  degli Studi di SALERNO
Importo2.450,00 euro
Periodo11 Dicembre 2013 - 11 Dicembre 2015
Gruppo di RicercaROSSI Roberto (Coordinatore Progetto)
DI SALVIA Biagio (Ricercatore)
MONTAUDO Aldo (Ricercatore)
SANTILLO Marco (Ricercatore)