REATTORI CHIMICI

Gaetano LAMBERTI REATTORI CHIMICI

0612200018
DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE
CORSO DI LAUREA
INGEGNERIA CHIMICA
2023/2024

OBBLIGATORIO
ANNO CORSO 3
ANNO ORDINAMENTO 2016
PRIMO SEMESTRE
CFUOREATTIVITÀ
660LEZIONE
Obiettivi
CONOSCENZA E COMPRENSIONE
BILANCI DI MATERIA E DI ENERGIA PER REATTORI IDEALI. CINETICA DELLE REAZIONI CHIMICHE SEMPLICI E COMPLESSE E
DETERMINAZIONE DELL’ORDINE DI UNA REAZIONE. PROGETTAZIONE E/O VERIFICA DEI REATTORI CHIMICI IDEALI, DISCONTINUI
(BATCH) E CONTINUI (C.S.T.R. E P.F.R.) ISOTERMI E NON ISOTERMI LIMITATO ALLA REAZIONI SEMPLICI. SISTEMI DI PIÙ
REATTORI E REATTORI CON RICICLO.
CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE APPLICATE - ANALISI INGEGNERISTICA
INTERPRETAZIONE DEI DATI SPERIMENTALI PER DETERMINARE LA CINETICA E L’ORDINE DELLA REAZIONE. VERIFICA DI UN
REATTORE IDEALE. IDENTIFICAZIONE DELLA PROCEDURE DI PROGETTAZIONE DI UN REATTORE IDEALE.
CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE APPLICATE - PROGETTAZIONE INGEGNERISTICA
PROGETTAZIONE DI UN REATTORE IDEALE.
AUTONOMIA DI GIUDIZIO – PRATICA INGEGNERISTICA
CAPACITÀ DI INTERPRETARE IN MODO AUTONOMO I DATI PER LA SCELTA E DI UN REATTORE IDEALE ANCHE IN PRESENZA DI
REAZIONI ENZIMATICHE.
CAPACITÀ TRASVERSALI - ABILITÀ COMUNICATIVE
SAPER LAVORARE IN GRUPPO ED ESPORRE ORALMENTE UN ARGOMENTO DEL CORSO.
CAPACITÀ TRASVERSALI - CAPACITÀ DI APPRENDERE
L'ALLIEVO SAPRÀ APPLICARE LE CONOSCENZE ACQUISITE A CONTESTI DIFFERENTI DA QUELLI PRESENTATI DURANTE IL CORSO,
ED APPROFONDIRE GLI ARGOMENTI TRATTATI IN SITUAZIONI DIVERSE DA QUELLE PROPOSTE.
Prerequisiti
PRINCIPI DI INGEGNERIA CHIMICA
Contenuti
INTRODUZIONE E DEFINIZIONI (4 ORE LEZIONE)
INTRODUZIONE AL CORSO: ARTICOLAZIONE DEL PROGRAMMA, ORGANIZZAZIONE DEL CORSO. REAZIONI CHIMICHE E LORO CLASSIFICAZIONE.
VELOCITA DI REAZIONE, VARIE FORMULAZIONI. ESPRESSIONI PER LA VELOCITA DI REAZIONE. REATTORI CHIMICI E LORO CLASSIFICAZIONE. (2 ORE LEZIONE)
REATTORE DISCONTINUO IDEALE ISOTERMO E ANALISI DELLE REAZIONI
CINETICA DELLE REAZIONI OMOGENEE. (4 ORE LEZIONE, 4 ORE ESERCITAZIONE)
TERMINE DIPENDENTE DALLA CONCENTRAZIONE E TERMINE DIPENDENTE DALLA TEMPERATURA PER UNA ESPRESSIONE DI VELOCITA.
RICERCA DI UN MECCANISMO DI REAZIONE. (2 ORE LEZIONE, 2 ORE ESERCITAZIONE)
INTERPRETAZIONE DEI DATI DI UN REATTORE DISCONTINUO.
REATTORE DISCONTINUO A VOLUME COSTANTE.
REATTORE DISCONTINUO A VOLUME VARIABILE.
EFFETTO DELLA TEMPERATURA SULLA VELOCITA DI REAZIONE.
REATTORI IDEALI ISOTERMI PER REAZIONI SINGOLE
INTRODUZIONE AL PROGETTO DEI REATTORI. (4 ORE LEZIONE, 2 ORE ESERCITAZIONE)
REATTORI IDEALI PER REAZIONI SINGOLE. (4 ORE LEZIONE, 2 ORE ESERCITAZIONE)
REATTORE DISCONTINUO IDEALE ISOTERMO. REATTORE A MISCELAZIONE CONTINUO, IDEALE E ISOTERMO. REATTORE CON FLUSSO A PISTONE CONTINUO, IDEALE E ISOTERMO.
PROGETTAZIONE PER REAZIONI SINGOLE. (4 ORE LEZIONE, 8 ORE ESERCITAZIONE)
CONFRONTO DELLE DIMENSIONI TRA DIVERSI REATTORI. SISTEMI DI PIU REATTORI. REATTORI CON RICICLO. REAZIONI AUTOCATALITICHE.
REATTORI IDEALI ISOTERMI PER REAZIONI MULTIPLE (4 ORE LEZIONE, 4 ORE ESERCITAZIONE) PROGETTAZIONE PER REAZIONI MULTIPLE.
REAZIONI IN PARALLELO. REAZIONI IN SERIE. REAZIONI IN SERIE-PARALLELO. SCELTA DEL SISTEMA OTTIMALE DI REATTORI IN PRESENZA DI REAZIONI MULTIPLE.
REATTORI IDEALI PER REAZIONI NON ISOTERME (4 ORE LEZIONE, 6 ORE ESERCITAZIONE)
EFFETTO DELLA TEMPERATURA E DELLA PRESSIONE.
REAZIONI SINGOLE. DISTRIBUZIONE OTTIMA DELLA TEMPERATURA. REATTORI NON ISOTERMI IN GENERALE, REATTORI ADIABATICI.
REAZIONI MULTIPLE. DISTRIBUZIONE DEI PRODOTTI E DELLA TEMPERATURA.
Metodi Didattici
L’INSEGNAMENTO PREVEDE LEZIONI TEORICHE (32 H) E ESERCITAZIONI IN AULA (28 H) CON RIFERIMENTO A PROBLEMI REALI.
Verifica dell'apprendimento
LA VALUTAZIONE DEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI PREFISSATI AVVERRÀ MEDIANTE UNA PROVA SCRITTA ED UN COLLOQUIO ORALE. IL LIVELLO DI SUFFICIENZA CORRISPONDE ALLA DIMOSTRAZIONE DELLA CAPACITA' DI INDIVIDUARE STRUMENTI METODOLOGICI DA UTILIZZARE, DI IMPOSTARE CORRETTAMENTE LE EQUAZIONI DI MODELLO E DI INDICARE VIE PERCORRIBILI DI RISOLUZIONE DEL PROBLEMA. IL LIVELLO DI ECCELLENZA E' RAGGIUNTO QUANDO LO STUDENTE SI DIMOSTRA IN GRADO DI AFFRONTARE CON SUCCESSO ASPETTI DEL PROBLEMI NON ESPLICITAMENTE TRATTATI A LEZIONE. LA VALUTAZIONE DIPENDE DAL LIVELLO DELL'ESPOSIZIONE E DAL GRADO DI CONFIDENZA MOSTRATO CON GLI ARGOMENTI DELL'INSEGNAMENTO E CON GLI STRUMENTI METODOLOGICI IL CUI USO E' STATO DESCRITTO NEL CORSO.
LA FREQUENZA AI CORSI DI INSEGNAMENTO È FORTEMENTE CONSIGLIATA
Testi
INGEGNERIA DELLE REAZIONI CHIMICHE
OCTAVE LEVENSPIEL
Altre Informazioni
PAGINA WEB DELL'INSEGNAMENTO
HTTPS://WWW.GRUPPOTPP.IT/REATTORI-CHIMICI/

IL CORSO SI TIENE IN ITALIANO.
Orari Lezioni

  BETA VERSION Fonte dati ESSE3 [Ultima Sincronizzazione: 2024-05-06]