DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA

Teresa RUSSO DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA

0160100030
DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE (SCUOLA DI GIURISPRUDENZA)
CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO DI 5 ANNI
GIURISPRUDENZA
2021/2022

OBBLIGATORIO
ANNO CORSO 2
ANNO ORDINAMENTO 2012
SECONDO SEMESTRE
CFUOREATTIVITÀ
981LEZIONE


Obiettivi
L’INSEGNAMENTO MIRA A FAR ACQUISIRE AGLI STUDENTI GLI STRUMENTI UTILI ALLA CONOSCENZA E ALLA COMPRENSIONE DI BASE DEL PROCESSO DI INTEGRAZIONE EUROPEA DALLE ORIGINI DELLE COMUNITÀ EUROPEE SINO ALL'ATTUALE UNIONE EUROPEA.



CONOSCENZE E COMPRENSIONE

CONOSCERE E COMPRENDERE IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA NORMATIVO ED ISTITUZIONALE DELL’UNIONE EUROPEA, I PRINCIPI CHE REGOLANO LA SUA AZIONE, L’ANALISI DEI RAPPORTI TRA IL DIRITTO DELL’UNIONE EUROPEA E L’ORDINAMENTO STATALE, L’APPROFONDIMENTO DEL SISTEMA “MULTILIVELLO” DI TUTELA DEI DIRITTI FONDAMENTALI.



CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE

L’INSEGNAMENTO INTENDE SVILUPPARE LE CAPACITÀ APPLICATIVE DELLE CONOSCENZE ACQUISITE AFFINCHÉ GLI STUDENTI SIANO IN GRADO DI CONSULTARE ED ANALIZZARE TESTI NORMATIVI E GIURISPRUDENZIALI AL FINE DI AFFRONTARE QUESTIONI GIURIDICHE CHE IMPLICANO LA COMPRENSIONE DEI MECCANISMI DI INTERCONNESSIONE TRA ORDINAMENTO EUROPEO E ORDINAMENTO INTERNO.

Prerequisiti
È PROPEDEUTICO IL SUPERAMENTO DELL'ESAME DI DIRITTO COSTITUZIONALE.
È OPPORTUNA LA CONOSCENZA DEL DIRITTO INTERNAZIONALE
Contenuti
-LE TAPPE DEL PROCESSO DI INTEGRAZIONE EUROPEA: DAI TRATTATI DI ROMA AL TRATTATO DI LISBONA (LA COOPERAZIONE RAFFORZATA, LA POLITICA ESTERA E DI SICUREZZA COMUNE, LA COOPERAZIONE GIUDIZIARIA, EU MEMBERSHIP (ADESIONE, SOSPENSIONE, RECESSO), LA CITTADINANZA EUROPEA)
-I VALORI (PACE, PLURALISMO, DIGNITÀ UMANA, LIBERTÀ, DEMOCRAZIA, UGUAGLIANZA, STATO DI DIRITTO, RISPETTO DEI DIRITTI UMANI) E GLI OBIETTIVI DELL’UE (LIBERA CONCORRENZA, COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE, SVILUPPO SOSTENIBILE, COMMERCIO LIBERO ED EQUO)
-IL QUADRO ISTITUZIONALE (IL CONSIGLIO EUROPEO, IL PARLAMENTO EUROPEO, LA COMMISSIONE, IL CONSIGLIO, LA CORTE DEI CONTI, GLI ORGANI GIURISDIZIONALI)
-LE FONTI (I PRINCIPI DELL’ORDINAMENTO DELL’UE, IL DIRITTO PRIMARIO, IL DIRITTO DERIVATO, IL RUOLO DELLA GIURISPRUDENZA (RINVIO), LE NORME E I PRINCIPI DEL DIRITTO INTERNAZIONALE, LE PROCEDURE DI PRODUZIONE NORMATIVA)
-IL SISTEMA DI TUTELA GIURISDIZIONALE (IL RICORSO PER INFRAZIONE, IL RICORSO IN CARENZA, L’AZIONE D’ANNULLAMENTO, LE AZIONI DI RESPONSABILITÀ CONTRATTUALE ED EXTRACONTRATTUALE, IL RINVIO PREGIUDIZIALE, IL RAPPORTO TRA CORTI E LA CROSS-FERTILIZATION)
-IL RAPPORTO TRA IL DIRITTO INTERNO E IL DIRITTO DELL’UE (IL PRIMATO E LA DIRETTA APPLICABILITA’ DEL DIRITTO DELL’UE, GLI ORIENTAMENTI GIURISPRUDENZIALI DELLA CORTE DI GIUSTIZIA E DELLA CORTE COSTITUZIONALE, LE EVOLUZIONI NORMATIVE, LE COMPETENZE REGIONALI)
Metodi Didattici
NOI COMBINIAMO: 1) METODO TRADIZIONALE ESPOSITIVO (LEZIONI CATTEDRATICHE FRONTALI); 2) METODO ATTIVO: SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ INTERATTIVE (ESERCITAZIONI E SEMINARI, ESAMI DI CASI GIURISPRUDENZIALI, LEZIONI APERTE E RICAPITOLAZIONI); 3) METODI DIDATTICI INNOVATIVI: VENGONO FORNITI AGLI STUDENTI SUPPORTI DIDATTICI MULTIMEDIALI (SITI INTERNET, PROIEZIONI IN AULA DI POWERPOINT FILES; DI DOCUMENTI, FILMS RILEVANTI PER IL DIRITTO DELL’UE, ETC.)

Verifica dell'apprendimento
ESAME FINALE DI PROFITTO ORALE

LA VERIFICA MIRA AD ACCERTARE LA CONOSCENZA DEGLI STRUMENTI DI BASE, TEORICI E PRATICI, PER POTER INTERPRETARE ED APPLICARE IL DIRITTO DELL’UE NEI SETTORI DELLE PROFESSIONI LEGALI, DELLA DIPLOMAZIA, DELLE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI E DELLE CORTI SOVRANNAZIONALI
I CRITERI DI VALUTAZIONE VERTONO SU:
AUTONOMIA DI GIUDIZIO: CAPACITÀ DI FORMULARE GIUDIZI IN MODO AUTONOMO CON RIGUARDO A CASI CONCRETI GIUSTIZIA PENALE INTERNAZIONALE, INTERPRETANDO ED APPLICANDO CONSAPEVOLMENTE LE INFORMAZIONI ACQUISITE DURANTE IL CORSO: LE FONTI NORMATIVE, LA GIURISPRUDENZA E LE DIFFERENTI SCUOLE DI PENSIERO

ABILITÀ COMUNICATIVE: ACQUISIZIONE DEL LINGUAGGIO TECNICO-GIURIDICO E DI CAPACITÀ ARGOMENTATIVE PROPRIE DELLE PROFESSIONI GIURIDICHE, DELLE ABILITÀ COMUNICATIVE CHE PERMETTANO AGLI STUDENTI DI MUOVERSI ANCHE IN AMBIENTI SOVRANNAZIONALI (ES. CORTI, TRIBUNALI ED ISTITUZIONI SIA EUROPEE CHE INTERNAZIONALI)

CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO: CAPACITÀ DI SVILUPPARE E AGGIORNARE LE PROPRIE CONOSCENZE ATTRAVERSO LE COMPETENZE ACQUISITE QUALI, AD ESEMPIO, LA ABILITÀ DI CONSULTAZIONE ED INTERPRETAZIONE DI MATERIALE BIBLIOGRAFICO, NORMATIVO E GIURISPRUDENZIALE.
LE VALUTAZIONI SONO ESPRESSE IN TRENTESIMI.
IL LIVELLO MINIMO (18) È ASSEGNATO NEL CASO IN CUI DALLA VERIFICA EMERGA UNA CONOSCENZA SUFFICIENTE DELLE TEMATICHE CENTRALI DEL DIRITTO DELL’UE.
IL LIVELLO MASSIMO (30) È ASSEGNATO LADDOVE DALLA VERIFICA EMERGA LA CONOSCENZA APPROFONDITA DELLE TEMATICHE CENTRALI DEL DIRITTO DELL’UE E LA CAPACITÀ DI ANALIZZARE CRITICAMENTE LE PROBLEMATICHE AD ESSE CONNESSE.
LA LODE È ASSEGNATA NEL CASO IN CUI DALLA VERIFICA EMERGA LA CAPACITÀ DELLO STUDENTE DI FORMULARE GIUDIZI IN MODO AUTONOMO CON RIGUARDO A CASI CONCRETI E A TEMATICHE CENTRALI DEL DIRITTO DELL’UE

PER GLI STUDENTI FREQUENTANTI SONO PREVISTE PROVE INTERCORSO SCRITTE (SOTTO FORMA DI TEST A RISPOSTA MULTIPLA, QUESTIONARI CON QUESITI A RISPOSTA APERTA E BREVI COMPOSIZIONI LIBERE), NEL NUMERO MINIMO DI 2 (A METÀ E A FINE CORSO) E DELLA DURATA NON SUPERIORE A 120 MINUTI CIASCUNA.
CIASCUNA PROVA SCRITTA È VALUTATA IN TRENTESIMI E SI INTENDE SUPERATA CON IL VOTO MINIMO DI 18/30.
IL VOTO FINALE È DATO DALLA MEDIA DEI VOTI RIPORTATI IN CIASCUNA PROVA.
Testi
PARTE GENERALE:
1)ADAM R. - TIZZANO A., LINEAMENTI DI DIRITTO DELL’UNIONE EUROPEA, 2016, TORINO
OPPURE
2)DANIELE L., DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA. SISTEMA ISTITUZIONALE. ORDINAMENTO. TUTELA GIURISDIZIONALE. COMPETENZE, GIUFFRÈ, MILANO, 2018
OPPURE
3)MENGOZZI P. - MORVIDUCCI C., ISTITUZIONI DI DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA, 2018, PADOVA
OPPURE
TESAURO G., DIRITTO DELL’UNIONE EUROPEA, A CURA DI P. DE PASCALE. , F. FERRAO, NAPOLI, 2020, EDITORIALE SCIENTIFICA,
OPPURE
4) VALVO A.L., ISTITUZIONI DI DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA, 2019, TORINO
OPPURE
5) VILLANI U., ISTITUZIONI DI DIRITTO DELL’UNIONE EUROPEA, 2020, BARI

PARTE SPECIALE
1)
- ZICCARDI CAPALDO G., DIRITTO GLOBALE. IL NUOVO DIRITTO INTERNAZIONALE, GIUFFRE’, 2010, PARTE III.
IN AGGIUNTA
- ZICCARDI CAPALDO G., LOTTA GLOBALE ALL’IMPUNITÀ E CORTE DI GIUSTIZIA DELL’UNIONE EUROPEA: UN NUOVO APPROCCIO ALLA FRODE GRAVE COME CRIMINE CONTRO I DIRITTI UMANI, REPERIBILE ALL’INDIRIZZO HTTP://WWW.SIDI-ISIL.ORG/WP-CONTENT/UPLOADS/2017/10/LOTTA-GLOBALE-FORUMSIDI-1.PDF

OPPURE
2)
- DI STASI A. (A CURA DI), TUTELA DEI DIRITTI FONDAMENTALI
E SPAZIO EUROPEO DI GIUSTIZIA
L’APPLICAZIONE GIURISPRUDENZIALE DEL TITOLO VI DELLA CARTA , 2019, NAPOLI (CAPITOLO INTRODUTTIVO, CAPITOLO I, CAPITOLO II, CAPITOLO VI, CAPITOLO VII E UN ALTRO CAPITOLO A SCELTA DELLO STUDENTE)


PER IL REPERIMENTO DI ATTI, SENTENZE E DOCUMENTAZIONE DELL’UE È VIVAMENTE CONSIGLIATA LA CONSULTAZIONE DEL SITO INTERNET: HTTP://EUROPA.EU/INDEX_IT.HTM.

PER LA CONSULTAZIONE DEI TESTI NORMATIVI È ALTRESÌ POSSIBILE CONSULTARE

1)NASCIMBENE B., UNIONE EUROPEA. TRATTATI. L’EUROPA IN MOVIMENTO. RACCOLTA DI TESTI E DOCUMENTI, GIAPPICHELLI, TORINO, 2013

OVVERO

2)POCAR F. –TAMBURINI M., NORME FONDAMENTALI DELL’UNIONE EUROPEA, GIUFFRÈ, MILANO, 2013

PER GLI APPROFONDIMENTI RELATIVI ALLA EVOLUZIONE GIURISPRUDENZIALE E ALLA CROSS- FERTILIZATION SI CONSIGLIA LA CONSULTAZIONE DELL’ANNUARIO THE GLOBAL COMMUNITY YILJ, OXFORD UNIVERSITY PRESS (ZICCARDI CAPALDO G., GENERAL ED.)
Altre Informazioni
CIASCUNA LEZIONE FRONTALE VIENE PRECEDUTA DA UNA RICAPITOLAZIONE DELLA PRECEDENTE SVOLTA IN MODO INTERATTIVO CON GLI STUDENTI
  BETA VERSION Fonte dati ESSE3 [Ultima Sincronizzazione: 2021-09-27]