STRuctural ENGineering Test Hall

ROSA PENNA STRuctural ENGineering Test Hall

Membri

RIZZANO GianvittorioDirettore
ANGELILLO MaurizioMembro
FEO LucianoMembro
FRATERNALI FernandoMembro
MONTUORI RosarioMembro
PILUSO VincenzoMembro
REALFONZO RobertoMembro
ASCIONE FrancescoMembro
MANCUSI GeminianoMembro
MARTINELLI EnzoMembro
LATOUR MassimoMembro
NASTRI ELIDEMembro
PENNA ROSAMembro
PETTI LuigiMembro
D'IMPERIO AntonioTecnico di Laboratorio
FORTUNATO AntonioTecnico di Laboratorio
ESPOSITO CIROCollaboratore
NAPOLI ANNALISACollaboratore
PERRI FRANCESCOCollaboratore

Presentazione

Sorto agli inizi degli anni '90, il Laboratorio STRuctural ENGineering Test Hall (STRENGTH) annesso al Dipartimento di Ingegneria Civile dell'Università di Salerno esegue prove su materiali da costruzione e su strutture, sia per scopi scientifici sia come attività conto terzi. In particolare, essendo dotato di un piastrone di base di ampie dimensioni per la realizzazione di telai chiusi di contrasto, consente di effettuare sperimentazioni su modelli di grandi dimensioni, anche in scala 1:1. Dispone inoltre di un sistema centralizzato di alimentazione idraulica, servo-regolato, in grado di alimentare gli attuatori in servizio con una portata massima dell'olio nel circuito di circa 10 l/s, idonea per l'esecuzione di prove dinamiche. Tale configurazione conferisce al Laboratorio una specifica versatilità per l'esecuzione di prove di tipo sismico.

CONSULTA PAGINA WEB

Attività di Ricerca

L'attività di ricerca del Laboratorio STRENGTH è rivolta principalmente allo studio sperimentale del comportamento sotto sisma di strutture di conglomerato cementizio armato, ordinario e precompresso, di acciaio e di muratura. In tale ambito, attualmente, una parte rilevante dell'attività è dedicata allo studio dei sistemi di rinforzo di strutture esistenti, realizzati sia con tecniche tradizionali che innovative, tra cui in particolare quelle che utilizzano materiali compositi a matrice polimerica (FRP) o cementizia (FRCM).

Un'ampia sperimentazione viene anche condotta sui sistemi di smorzamento dell'azione sismica, in particolare con riguardo alle strutture metalliche. Con riferimento a queste ultime un ulteriore campo di indagine sperimentale riguarda il comportamento dei nodi semi-rigidi. Con lo sguardo rivolto all'impiego dei nuovi materiali nel campo dell'Ingegneria Civile, una parte cospicua dell'attività del Laboratorio è altresì dedicata alla sperimentazione su strutture interamente realizzate con profili pultrusi di FRP e sulle relative connessioni strutturali, sia di tipo bullonato che incollato. Un ulteriore tema di ricerca è incentrato sulla caratterizzazione meccanica dei calcestruzzi fibrorinforzati con fibre corte di acciaio o di natura polimerica (FRC). Infine, una sezione specifica del Laboratorio è attrezzata per prove di biomeccanica finalizzate alla caratterizzazione meccanica di tessuti biologici e di protesi utilizzate in chirurgia.

Attrezzature

Il Laboratorio è equipaggiato con una vasta gammadi moderne attrezzature, di seguito sinteticamente descritte:

  • Macchina universale, con martinettoidraulico servo-regolato a doppio effetto, Schenck Hydropuls S56 (portata ±630kN, corsa ±125 mm);
  • Macchina per prove di compressione con martinetto idraulico servo-regolato a doppio effetto,Schenck RBS 4000-E2 (portata 4000 kN, corsa ±100 mm);
  • Macchina universale idraulica servo-regolata per elementi alti Italsigma (portata 3000kN, altezza massima dei provini3300 mm);
  • Sistema di acquisizione dati Vishay System 5000 per trasduttori di spostamento LVDT e laser, estensimetri, termocoppie, celle di carico e sensori "high level";
  • N.2 telai di contrasto in acciaio per l'applicazione di azioni statiche e dinamiche, sia orizzontali che verticali, su elementi strutturali in scala reale (altezza massima dei provini 6000 mm);
  • Telaio di contrasto in acciaio per l'esecuzione di prove a flessione su elementi in scala reale (lunghezza massima dei provini 5500 mm);
  • Georadar IDS R.I.S. K2 a due canali (antenne monostatiche da 900MHz e 2GHz);
  • Vibrodina meccanica Paganessi (Nm 45.6, Hz max200,r.p.m.max 6000);
  • N. 1 attuatore MTS da 250kN ultradinamico;
  • N. 9 attuatori MTS da 250kN a 2000 kN (corsa da ±100 mm a ±533 mm);
  • Gommoni di carico (4.00x4.00 mt. con altezza massima di carico mt. 0.70);
  • Videoendoscopioa colori Tecnix VPI-703 (fino a profondità di 25 m);
  • Sclerometro Schmidt;
  • PacometroHilti;
  • Sistema portatile per prove soniche Boviar S.Q.S V3;
  • Sistema portatile ad ultrasuoni Sirio 4000-cs (sonde da 25, 50 e 100 Hz);
  • TermocameraFlir Systems ThermaCAM B4 (range di misura -20°C ÷ +100°C);
  • Voltmetro ad alta impedenza Canin(range di misura di ±999 mV);
  • Sistema per prove di pull-out da 60 kN;
  • Carotatrice a binarioHilti per provini fino a 250 mm di diametro;
  • Sistema per prove con martinetti piatti di dimensioni 350x259x4.5 mm3 con deformometro digitale del tipo DGEI250;
  • Serie di martinetti oleodinamici con portata da 70 kN a 2000 kN;
  • Pompa elettrica trifase Rari-Press per l'alimentazione di martinetti oleodinamici con pressione massima di 1000bar;
  • Sistema Vallen per la rilevazione delle emissioni acustiche, con 8 canali completo di 4 sensori a bassa frequenza (25-80 kHz) e 4 sensori ad alta frequenza (100-450 kHz, risonanti a 150 kHz), con software dedicato per la raccolta e l’analisi dei dati.

Attività Conto Terzi

Il Laboratorio STRENGTH esegue prove conto terzi per la certificazione di materiali da costruzione e per l'esecuzione di prove di collaudo in situ. I principali tipi di prove eseguite dal Laboratorio sono le seguenti.

Prove di laboratorio

  • Prova di compressione su provini di conglomerato cementizio;
  • Prova di compressione su provini di muratura;
  • Prova di compressione diagonale su provini di muratura;
  • Prova di trazione su profili d'acciaio e di FRP;
  • Prova di trazione e di piegamento su barre di acciaio;
  • Prova di trazione indiretta su provini di conglomerato cementizio;
  • Prova di flessione su provini prismatici di conglomerato cementizio;
  • Prova di flessione su elementi in scala reale di conglomerato cementizio armato;
  • Prova di viscosità in ambiente termoregolato;
  • Prova a fatica su elementi e/o connessioni d'acciaio in scala reale.

Attività Conto Terzi Prove in situ

  • Prova di carico su solai, pali di fondazione e impalcati da ponte;
  • Prova di caratterizzazione dinamica delle strutture;
  • Prove di caratterizzazione meccanica di strutture di conglomerato cementizio armato e di muratura mediante indagini semidistruttive e non distruttive (carotaggio, prove sclerometriche e ultrasoniche, metodo Sonreb, martinetti piatti, prelievo di barre d'armatura)
  • Prova di pull-out;
  • Prova pacometrica;
  • Valutazione della corrosione delle armature nel calcestruzzo;
  • Prova di carbonatazione;
  • Prova endoscopica;
  • Sondaggi con termocamera e/o georadar.

Di seguito è possibile scaricare i moduli di richiesta per prove su materiali da costruzione (barre e calcestruzzo) secondo legge 05/11/1971 n. 1086 ed il tariffario applicato.

Allegati

Media

LMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMSLMS

Social