Brevetti

Diana SANNINO Brevetti


5 Brevetti

La presente invenzione riguarda la messa a punto di un processo innovativo per la rimozione della frazione organica presente nei fanghi derivanti dai processi di depurazione, in particolare in fanghi di depurazione di liquami conciari, mediante l’impiego di promotori solidi. Il processo viene realizzato mediante miscelazione di un ossido o di miscele di ossidi o di loro precursori con il fango oppure inserendoli nelle fasi di ottenimento dei fanghi. Sorprendentemente, attraverso la scelta di un opportuno ossido (catalizzatore) o di miscele di ossidi e/o precursori e della percentuale in miscela solida con il fango è possibile ottenere la diminuzione della temperatura di innesco del processo di ossidazione della componente organica e la contemporanea diminuzione delle emissioni di sostanze organiche aromatiche e cicliche che invece vengono emesse durante i trattamenti termici dei fanghi. Ancora più sorprendentemente, il valore della velocità massima della combustione assume valori di un ordine di grandezza superiore rispetto a quelli registrati durante la combustione termica dei fanghi. Dopo l'ossidazione catalizzata da ossidi non si osserva la formazione di cromo esavalente nelle ceneri di fanghi conciari ricche di cromo trivalente.

InventoriSANNINO Diana
CALVANESE Gianluigi
CARACCIOLO Daniela
CIAMBELLI Paolo
NAVIGLIO Biagio
VAIANO Vincenzo
Status
Brevetto Italiano
Deposito n. SA2010 A000025 - 30 Luglio 2010
Concessione n. 0001401357 - 18 Luglio 2013

La presente invenzione riguarda la realizzazione di sintesi di composti organici  o di abbattimento di composti organici volatili (COV) in un fotoreattore catalitico gas-solido a letto fluido con migliorata efficienza di illuminazione. Il fotoreattore è costituito da un reattore catalitico a letto fluido bidimensionale con due pareti trasparenti alla radiazione ultravioletta, da un sistema di illuminazione a matrice di LED posizionato all’esterno in prossimità delle pareti piane, riscaldato per effetto Joule all’interno del letto catalitico per il controllo della temperatura di reazione. Sorprendentemente, attraverso la scelta di un opportuno catalizzatore, e delle condizioni di esercizio del fotoreattore a letto fluido è possibile realizzare sia reazioni di ossidazione totale che parziale con elevata selettività. Ancora più sorprendentemente il valore della superficie illuminata di catalizzatore per unità di volume irradiato assume valori dell’ordine di 106 m-1, superiori a quelli degli altri fotoreattori. Il sistema fotocatalitico risulta in un’elevata efficienza di illuminazione a causa all’impiego dei Led UV, che, garantendo una direzione di irraggiamento ortogonale al punto di emissione, minimizzano la dispersione di fotoni. E’ stato valutato il funzionamento del fotoreattore rispetto alla deidrogenazione ossidativa di cicloesano a benzene o a cicloesene, di etilbenzene a stirene, di etanolo ad acetaldeide. Sorprendentemente catalizzatori a base di metalli di transizione supportati su TiO2, Al2O3, ZrO2, in presenza di solfati o altri anioni, sono risultati  maggiormente efficaci nell’ottenimento di prodotti di deidrogenazione ossidativa o di prodotti di ossidazione parziale. Risulta efficace nell’ossidazione completa di benzene, acetone e toluene.

InventoriSANNINO Diana
CIAMBELLI Paolo
PALMA Vincenzo
VAIANO Vincenzo
Status
Brevetto Italiano
Deposito n. SA2008A/000012 - 29 Maggio 2008
Concessione n. 0001390169

Brevetto italiano concesso classifica B01D.

Brevetto Internazionale
PCT/IT2009/000239

Fasi nazionali in USA ed Europa.

Deposito domanda USA n.12/995139.

Questa invenzione presenta la messa a punto di un processo foto-Fenton eterogeneo ad alta efficienza per l’abbattimento di inquinanti organici in reflui liquidi mediante l’impiego di catalizzatori eterogenei a base di perovskiti sia in polvere che strutturati, a temperatura e pressione ambiente. E’ stata valutata la degradazione di acido acetico, di metil-terziar-butil etere (MTBE), di metanolo, di etanolo, di loro miscele e di reflui sintetici da industria vinicola. Sorprendentemente, i catalizzatori a base di perovskite risultano più attivi nella degradazione di sostanze organiche del catalizzatore foto-Fenton omogeneo più efficiente. La rimozione delle sostanze organiche avviene mediante ossidazione a CO2 gassosa. E’ stato valutato l’effetto della concentrazione di H2O2, e del pH. Un ulteriore aumento della rimozione si ottiene tramite dosaggio di H2O2. Il sistema foto-Fenton eterogeneo permette di ampliare l’intervallo operativo di pH (2-8) rispetto a quello del sistema omogeneo (2-4), senza la formazione di fanghi.

InventoriSANNINO Diana
CIAMBELLI Paolo
ISUPOVA Lyubov Aleksandrovna
RICCIARDI Massimo
Status
Brevetto Italiano
Deposito n. SA2007A/000020 - 24 Luglio 2007
Brevetto Europeo
08763878.9/2158164

Deposito traduzione italiana del BE 11.01.2012 no. 47639BE/2012. Apertura Fasi di Convalida in Francia, Olanda e Germania.

Brevetto Internazionale
PCT/IT2008/000343

Domanda USA 12/301741.

La presente invenzione introduce un sensore di rilevamento di temperatura di piccole dimensioni, che sfrutta una rete casuale o orientata di nanotubi di carbonio non funzionalizzati, a pareti singole o multiple, per monitorare un ampio intervallo di temperature. Detta rete è fabbricata in forma di film sottile che si autosostiene ed ha una conduttanza elettrica che è una funzione monotona della temperatura al di sopra di 4.2 K. Detto film di nanotubi di carbonio è collegato tramite fili metallici ad un generatore di corrente e ad un voltmetro che servono a misurare  la conduttanza elettrica del film tramite il metodo standard a 2 o 4 punte. Detto sensore di rilevamento ha un basso consumo di potenza, elevata stabilità e durata, alta sensibilità e velocità di risposta, risulta robusto, di semplice produzione, e di basso costo. Detto sensore di rilevamento, liberamente scalabile in dimensioni, è adatto per misure locali e accurate di temperature con rapide ed ampie variazioni e con un disturbo trascurabile per l’ambiente di misura.

InventoriSCARFATO Alessandro
BOBBA Fabrizio
CUCOLO Anna Maria
DI BARTOLOMEO Antonio
GIUBILEO Filippo
SANNINO Diana
SARNO Maria
Status
Brevetto Italiano
Deposito n. SA2008A000022 - 8 Agosto 2008

Brevetto italiano non concesso.

Brevetto Europeo
09786824.4

Domanda di Brevetto europeo decaduta.

Brevetto Internazionale
PCT/IB2009/054326

La Domanda USA pendente, in attesa del comunicato ufficiale.

L’invenzione riguarda aerogeli polimerici caratterizzati da distribuzione omogenea di particelle micrometriche e nanometriche con proprietà fotocatalitiche. La preparazione di tali aerogeli consente di disperdere efficacemente le particelle fotocatalitiche, evitandone l’aggregazione e massimizzandone in tal modo la superficie fotoattiva. Il principale vantaggio dei nuovi manufatti è che presentano proprietà fotocatalitiche comparabili e/o migliorate rispetto a quelle di polveri fini di fotocatalizzatore e nello stesso tempo una migliore maneggevolezza. Infatti, la preparazione di aerogeli polimerici consente l’ottenimento di manufatti fotocatalitici macroscopici, ad esempio in forma di granuli oppure di filtri e membrane monolitici, cioè in forme idonee per applicazioni, senza il rischio di contaminazione o inalazione di nano e micro particelle.

Formulazioni preferite per l’invenzione prevedono l’utilizzo di aerogeli polimerici di tipo fisico, i cui nodi di reticolazione sono costituiti da fasi cristalline polimeriche di dimensioni nanometriche, con particelle fotocatalitiche a base di ossido di titanio drogato e di dimensioni nanometriche. Formulazioni particolarmente favorite prevedono l’utilizzo di aerogeli polimerici in cui le fasi cristalline costituenti i nodi fisici sono delle fasi cristalline nanoporose, cioè fasi cristalline che presentano una densità inferiore a quella delle corrispondenti fasi amorfe, come ad esempio le forme cristalline d ed e del polistirene sindiotattico (s-PS) o le modificazioni cristalline del poli(2,6-dimetil-1,4-fenilene)ossido (PPO). La presenza in tali aerogeli di microporosità sia nella fase amorfa sia nella fase cristallina del polimero permette di pervenire ad elevate concentrazioni di composti organici volatili (VOC), assorbendole con veloci cinetiche da fasi liquide o gassose, favorendo pertanto l’attività fotocatalitica delle micro e nano particelle disperse.

L’invenzione si colloca nei campi tecnico-scientifici della chimica industriale e dell’ingegneria, e più in particolare dei nanocompositi ed ha tra le possibili applicazioni industriali la riduzione dell’inquinamento ambientale attraverso processi fotocatalitici di degradazione di inquinanti organici volatili in presenza di luce solare. L’invenzione può essere altresì utilizzata per limitare la crescita di batteri su aerogeli nanoporosi, ampliandone le possibili applicazioni. L’invenzione consente anche di semplificare la separazione del fotocatalizzatore da fasi liquide depurate e quindi di evitare i costosi processi basati sull’impiego di pompe ricircolanti, che sono soggette a elevata usura quando nella fase liquida circolano sospensioni nano particellari.

InventoriSANNINO Diana
CIAMBELLI Paolo
DANIEL Christophe
GUERRA Gaetano
LONGO Simona
SACCO Olga
VAIANO Vincenzo
VENDITTO Vincenzo
Status
Brevetto Italiano
Deposito n. SA2013A000011 - 31 Ottobre 2013

In questa pagina sono visualizzati i brevetti del docente presenti nel Portafoglio Brevettuale dell'Università degli Studi di Salerno.
Eventuali altri brevetti sono presenti nella sezione Pubblicazioni.